Parigi Brest Parigi 2019

Mi piace iniziare a raccontare questa avventura da dove si era conclusa nel 2015.

All’arrivo presso il Vélodrome National de Saint-Quentin-en-Yvelines io e Daniele, stringendoci la mano, ci eravamo fatti questa promessa: “mai più, mai più….MAI PIU’!!!!”

Lui è riuscito ad essere di parola, io invece (soprannominato non a caso l’Orso Bipolare) ovviamente ho cambiato idea, e mi ritrovo nuovamente in viaggio verso Parigi assieme all’amico Fabio.

Durante il viaggio, non possiamo non fare una sosta tecnica a Basilea, dove proprio Daniele e l’amica Elena, ci tengono a salutarci e a incoraggiare la nostra avventura transalpina, grazie di cuore amici!

Daniele io ed Elena

Una volta raggiunta Parigi, ci ricongiungiamo con Umberto, Mattia e Claudia, con cui condivideremo albergo, momenti burocratici e ludici di questi due giorni.

Riusciamo perfino a fare i turisti, visitando la Reggia di Versailles e tutti gli ipermercati della zona per fare scorte di prezioso cibo.

Per questa edizione la partenza non sarà più al Velodromo come nel 2015, ma è spostata a Rambouillet.

Sicuramente in una giornata di sole sarebbe stato tutto più piacevole, e il fango non ci avrebbe dato fastidio, ma l’adrenalina che sentiamo dentro ci motiva parecchio e l’umore, nonostante il grigiume, è sempre alto.

Controllo bici, controllo documenti, ritiro pacco gara e via di nuovo in albergo.

Nel primo pomeriggio di domenica mi ritrovo con tutti gli italiani presenti alla PBP per la foto di gruppo. Gli amici che incontro sono tanti, e la tensione piano piano si stempera, l’allegria italiana è davvero contagiosa!

Ora dobbiamo solo attendere le 19.30 di domenica 18 agosto, quando io e Mattia, con i numeri P121 e P122 partiremo alla volta di Brest!

Ammazziamo il tempo riposandoci in macchina e mangiando.

Durante l’attesa ho l’occasione di incontrare due personaggi mitici: due signore bretoni che sono presenti nel video ufficiale del 2011, fermandole per un saluto e una foto, sono piacevolmente stupite di come mi ricordi di loro.

L’attesa e’ resa meno stressante grazie al pranzo offerto dal pluri premiato chef Mattia. La ricercatezza degli ingredienti e la maestria dietro ai fornelli, come un un direttore d’orchestra, prepara con leggiadria una buonissima pasta con il tonno.

Senza renderci conto, è giunto il momento di incolonnarci per la partenza, ormai il tempo vola e i minuti passano rapidamente, non vediamo l’ora di partire!

Mentre sono alla ricerca del mio scaglione, ho l’occasione di conoscere Ivan, del blog “I diari della Bicicletta”. E’ sempre bello dare un volto a persone che ti seguono e che segui virtualmente, ma soprattutto la sua calma e serenità, è davvero piacevole in questo clima pre gara.

La bellezza della Parigi Brest Parigi è quella di essere catapultato di colpo in mezzo a migliaia e migliaia (per la precisione 6800 iscritti) randonneur provenienti da tutto il modo. Vedere come ogni nazione interpreta stile, bici, bagaglio e abbigliamento è davvero affascinante.

I dubbi sulle scelte fatte e meditate per mesi si scontrano spesso con le scelte opposte degli altri compagni di viaggio di altre nazioni. Ad esempio mi stupisce incontrare un ciclista giapponese in fat bike. Lo show di contorno a questo evento è qualcosa di davvero unico. 

Con Mattia abbiamo un patto: partiamo assieme, ma non appena uno dei due realizza che ha un passo o esigenze diverse dall’altro, in piena serenità ci si separa.

Sono le 19.30, finalmente con un bel sole si parte!

Cerchiamo subito un gruppo che abbia un passo simile al nostro, e la voglia di spingere per percorrere più km possibile con la luce è tanta, ma dopo appena 50 km inizio a sentire male al ginocchio destro. Psicologicamente questo dolore è davvero un macigno, e una  domanda mi sorge spontanea: ma se dopo soli 50 km ho già male al ginocchio come posso farne 1200?

Inizio a rallentare ed anche Mattia, inevitabilmente, è costretto a fare lo stesso e ad aspettarmi continuamente. Io non mi sto divertendo perchè cerco di tenere il suo passo, non si stara’ divertendo lui perchè cerca di tenere il mio.

Il tramonto del primo giorno

Verso mezzanotte arriviamo a Mortagne, km 118, all’andata non è un controllo ma un semplice punto accoglienza. Non entriamo nemmeno al self service e mangiamo qualcosa velocemente vicino le bici, prima di ripartire comunico a Mattia la mia scelta: lasciarlo andare e continuare da solo con il mio passo.

Mattia è scettico, ma l’idea di gestirmi da solo questo momento di difficoltà senza condizionare nessuno mi aiuterebbe parecchio. Una volta ripartiti lo vedo filare via come il vento e dentro di me penso “bonne courage mon ami”.

La mia strategia ora sarà quella di trasformarmi in un camionista delle due ruote: pedalare piano, andatura costante e soste brevi. 

In questa prima parte di percorso i gruppi che si incontrano sono davvero tanti e di tutti i tipi, difficilmente si rimane a pedalare da solo durante la prima notte, e mi inserisco in un gruppo di inglesi molto simpatici e con un’andatura che fa al caso mio. Acciaio, Brooks, borse Carradice, mi piace un sacco il loro stile, e in men che non si dica sono al controllo di Villaines la Juhel, km 217. 

Sono le 4.30 e mi programmo una sosta di massimo mezz’ora: timbro, bagno, riempimento borracce, caffè, pain au chocolat e in 28 minuti, nonostante il pienone, sono già in bicicletta.

Uscendo dal controllo incontro anche Cinzia, Fausto e Lorenzo, li vedo davvero carichi, che bello!

Fausto Lorenzo Cinzia ed io

Il programma non cambia rispetto a prima, questa volta pedalo con i brasiliani, simpatici e pittoreschi come sempre, e la compagnia è davvero piacevole.

Cerco di non pensare al ginocchio, ma non è semplice, chissà dove sarà Mattia, già a Brest?

La notte è fredda, si toccano i 5 gradi, l’alba lo è ancora di più, mi sento completamente bagnato per l’umidità, e per svegliarmi mi fermo per un caffè ad uno dei tipici banchetti spontanei che offrono gratuitamente beni di consumo a noi ciclisti. Questi francesi sono fantastici!

Alle 8.54 arrivo al controllo di Fougeres, km 309, siamo finalmente in Bretagna, terra che ci accompagnerà per i prossimi 600 km, il sole inizia timidamente a scaldarci, e una sosta per far riposare il ginocchio, con visita in infermeria è d’obbligo.

Dopo aver timbrato e mangiato qualcosa per colazione, incontro Lorenzo, Roberto ed Aldo, anche loro allegri e felici per questa splendida prima notte passata sui pedali, siamo a un quarto del percorso.

Con Roberto in Intimo Popolare

Prima di entrare in infermeria sono consapevole che il medico potrebbe dirmi di fermarmi, la mia salute è più importate di tutto questo e nel caso accetterò con serenità questo verdetto. Fortunatamente, controllandomi semplicemente a mani nude, mi dice che è un’infiammazione al tendine, mi consegna due pastiglie di  paracetamolo 1000 da prendere ogni quattro ore, e mi obbliga a fare una pausa di due ore a Loudeac. Accetto con piacere!

Dal tracking on line noto stranamente che Mattia non è davanti, ma dietro di circa un ora e mezza, gli scrivo senza ricevere risposta (sara’ impegnato in qualche cooking show?). Riparto lo stesso, ci aggiorneremo più avanti.

Anestetizzato dal paracetamolo il dolore tende a scomparire, e verso mezzogiorno arrivo al km 360, controllo di Tinteniac.

Mi prendo l’ennesimo Pain au Chocolat e faccio una bella chiacchierata assieme ad Aldo. Abbiamo anche il tempo per uno scatto da inserire sicuramente nel calendario 2020 della Popolare Ciclistica.

Assieme ad Aldo a Tinteniac

Riparto nuovamente da solo, il programma è sempre il solito, pedalare fermandomi il meno possibile. Vorrei arrivare direttamente a Loudeac, ma il passaggio davanti al punto accoglienza di Quedillac è troppo invitante, così mi fermo per una piccola pausa.

Non avendo il bag drop la sosta è rapida: salamella, pain au chocolate, coca cola, messaggi di aggiornamento. Mentre mangio vedo passare dei personaggi particolari, i famosi fratelli Claß in Triplette, fantastici.

Daniele in questa giornata è stato fondamentale, mi ha dato un sacco di consigli da casa, ma soprattutto mi ha fatto compagnia durante le soste nei momenti in cui ero solo, grazie davvero.

Arrivo a Loudeac alle 17 (km 445), noto subito che il self service è molto pieno. Vedo poi, sdraiato nel prato, Aldo al telefono, non volendolo disturbare, mi mangio da solo due bei panini al formaggio preparati prima della partenza.

Su consiglio medico dovrei fare sosta riposo di due ore, ma essendoci molta gente, preferisco proseguire e fermarmi a Saint Nicolas du Pelem, dopo una cinquantina di km.

Una volta partito sento di colpo un bisogno, necessito di una sosta urgente e cerco il primo cespuglio disponibile, ovviamente il più isolato possibile. Sfodero, così, la mie armi segrete: le salviettine intime francesi e la bustina di Bepanthenol.

Ebbene si, di colpo scopro il significato di due nuove parole francesi “lingettes demaquillantes”: “salviettine struccanti” e non “salviettine intime”.

Le mie urla di imprecazione e dolore hanno attirato l’attenzione di un ciclista di passaggio. Decide di aspettarmi per ripartire insieme. E’ italiano, si chiama Marco ed è di Benevento, un personaggio di una simpatia davvero straripante. Scopro , inoltre, che conosce il mio blog e che ha visto il mio video del 2015 su youtube, sono piacevolmente colpito.

Pedalando assieme al simpaticissimo Marco

Verso le 20.30 arriviamo assieme al controllo di Saint Nicolas, km 490. A questo punto decido di fare le mie due ore di pausa, separandomi da Marco ed i suoi due compagni.

Durante la pausa colgo l’occasione per fare una doccia (l’unica che farò) e poi mi reco al dormitorio per riposare, visto che devo stare fermo cerco di ottimizzare il tempo dormendo.

I minuti passano e la mente continua a viaggiare senza farmi prendere sonno. Inizia così la fase della disperazione con pensieri che vanno oltre l’immaginazione, inizia il mio trip: “ma sai che bello, esco fuori e mi hanno rubato la bici, così pongo fine a questa tortura”, oppure: “se invece la bici c’è, fingo un furto e me la spedisco a casa fra qualche giorno fingendo un ritrovamento della Gendarmerie”.

Fortunatamente questa fase psichedelica ha fine quando, verso le 23, accendo il telefono, e scopro che Mattia è proprio qui fuori.

Mi vesto al volo e dopo aver mangiato qualcosa, alle 23,30 siamo in sella di nuovo assieme.

Il morale è alle stelle, sento che il ginocchio sta migliorando, sento che la mia PBP, con 500 km di ritardo, sta ripartendo per la terza volta.

La sosta a Carhaix Plouger è davvero volante, timbro veloce, un saluto all’amico Pietro nel parcheggio (che sta andando alla grande in solitaria) e si riparte nel giro di 15 minuti.

Ora ci attende Roc Trevezel, il ponte di Brest, e poi il controllo che segnerà il giro di boa di questa avventura.

Roc Trevezel è sempre una bella gatta da pelare, anzi “da pedale” in questo caso. Salita lunga e costante che arriva a quota 380 metri. Sulla carta una banalità, ma abbiamo freddo (4 gradi) e soprattutto molto sonno che combattiamo cantando.

Lo scollinamento è un momento quasi sacro per la PBP, di notte mi emoziona ancora di più. Ora si punta verso il famoso ponte per la foto di rito.

In discesa ci fermiamo ad uno dei soliti e mitici banchetti volontari che salvano noi ciclisti nel momento del bisogno: caffè, torta e via di nuovo, vedo Mattia di colpo rigenerato.

Sono le 5.57 ed è buio, fa ancora molto freddo, siamo sul ponte Albert Louppe e il ponte dell’Iroise sullo sfondo non si vede nemmeno.

Il passaggio in questo punto ha un sapore amaro rispetto al 2015. L’idea di fare foto al buio senza vedere nulla, mi spiace parecchio, e non rende nemmeno gloria a questo momento così tanto atteso da quattro anni.

Faccio alcune foto, riesco a malapena a fare quella agli adesivi che mi ero ripromesso di attaccare sul ponte: quelli della Popolare, del Martesana Van Vlaanderen, e dei Cicloidi, il pensiero però c’è.

Alle 6.30 siamo al controllo di Brest, km 610, incredibile, siamo a metà!

Dopo un’accesa diatriba fra me e Mattia su quanto dormire, optiamo per una sosta di due ore, dalle 7 alle 9. Andiamo a letto con il buio e ci svegliamo con il sole di una bellissima giornata. E’ martedì, e abbiamo ancora tanti km da percorrere.

Al ristoro incontriamo Umberto, lo invitiamo a far colazione alla boulangerie poco più avanti ma preferisce mangiare la sua crepes.

Umberto

Umberto è un personaggio incredibile. Io e Mattia abbiamo stabilito che fra tutti i ciclisti che conosciamo è quello che meglio interpreta il vero spirito del “randonneur”. Si è presentato alla PBP con 2900 km nelle gambe (brevetti compresi). Senza problemi e pacatezza si sta portando a casa in scioltezza la sua terza PBP.

Una volta arrivati alla boulangerie, dire che abbiamo fatto colazione è davvero riduttivo. Uscendo i proprietari del locale ci hanno fatto addirittura un’ultima proposta di acquisto di ulteriori 5 pain au chocolate con altri 5 in omaggio. A malincuore ho dovuto rifiutare per problemi di spazio nei bagagli. Per questa scelta sbagliata mi maledico ancora oggi.

Inizia ora tutto il viaggio di ritorno, ripercorriamo la strada appena percorsa il giorno e la notte precedente: Roc Trevezel questa volta al sole e al caldo; Sizun, bellissimo paesino dove incontro anche Aurora; Saint Nicolas du Pelem e poi, per le 20 di sera, al km 783, siamo di nuovo a Loudeac, dove ci concediamo una bella pausa e una meritata cena al controllo.

Per l’ennesima volta incontriamo Aldo, e la domanda sorge spontanea: ma sta pedalando o è sempre fermo? non lo vediamo mai in strada, sempre e solo unicamente ai controlli.

Aldo sta percorrendo la sua quarta PBP in fixed, non ha GPS, non ha contachilometri, non ha borracce, ha scarpe distrutte, è sempre fresco e riposato e odia tremendamente gli italiani. Non voglio fargli troppa pubblicità perchè mi sta un po’ antipatico, ma se cercate in rete, sicuramente troverete info su di lui e sulle bici con cui ha percorso le sue tre precedenti edizioni. Mi piace lasciare un po’ di suspance.

Aldo con le sue prestigiose Sidi nuove

Dopo questa tristissima cena abbiamo il sogno nel cassetto di arrivare a Fougeres per la pausa sonno, ma già a Quedillac, verso l’una di notte e al km 843, siamo già fermi per una seconda cena.

Una volta preso il vassoio vediamo per l’ennesima volta Aldo seduto al tavolo, sta sorseggiando un ottimo Bordeaux di Chateau Mouton Rothschild del 1945, e il sospetto mio e di Mattia inizia a prender forma: Aldo non è altro che un cartonato che viene montato e smontato per poi essere trasferito di controllo in controllo. Altro che PBP in scatto fisso, la sua è una PBP in trasferimento fisso. Ovviamente nel momento della ripartenza si attarda un attimo e non riparte con noi, coincidenze?

La terza notte è davvero magica, quella che mi sono goduto di più.

Percorro spesso tratti in solitaria, fisiologicamente i ciclisti ora sono più dispersi, in salita rallento sempre e per effetto elastico spesso mi separo da Mattia.

Ci sono stati dei momenti in cui ho percepito il freddo pungere sulle guance e lo sentivo come una sensazione piacevole. Guardando in avanti non vedevo nessuna luce, girando il capo non vedevo nessuno, alzavo lo sguardo e vedevo solo la luna farmi compagnia, sono in Bretagna, terra magica e misteriosa, e mi sentivo con una felicità addosso senza precedenti.

Questa magia si spegne alle 2.38, quando a Tinteniac, km 869, decidiamo che è impossibile continuare per il sonno, e ci concediamo le ultime due ore di riposo prima dell’arrivo.

Facciamo un po’ di coda al dormitorio, ma questa attesa è stata ripagata nel vedere una scena memorabile: il personale medico stava “medicando” un ciclista che non riusciva più a tenere alzato il capo. Invece di applicare un normale collarino, hanno applicato sotto al mento una confezione di succo di frutta, davvero geniale, gli mancherebbe solo la cannuccia.

Dal controllo di Tinteniac ripartiamo prima dell’alba, e poco più tardi siamo spettatori del sorgere del sole dalla poltrona più bella che esista: la nostra bicicletta. E’ un’alba fredda e cattiva, ma di un colore e di una dolcezza che riempie il cuore.

Prima di arrivare a Fougeres ci fermiamo in una boulangerie per svaligiarla come sempre, e questa volta non ci facciamo scappare sei pain au chocolate da stipare nelle borse per i momenti di difficoltà.

In questa boulangerie vendono perfino i famosi dolci tipici, i Paris Brest!

A Fougeres timbriamo e ripartiamo, preferendo nell’essere deliziato da qualcosa di altamente Gourmet offerto da chef Mattia. Dopo pochi km dal controllo eccolo in azione, mi passa fra le mani un bel pezzo di cioccolato fondente su un letto di scorza di arancia. Questa è l’immagine della poesia che si incontra con le due ruote, e ne sono inebriato.

Ciliegina sulla torna, è la tipica sosta alla Tanniere, banchetto ormai diventato tappa obbligata per tutti i ciclisti della PBP. Dazio da pagare per mangiare crepes alla marmellata a volontà sono l’invio, una volta ritornati a casa, di una cartolina dal proprio paese. Sul cartellone ritrovo quella che ho inviato nel 2015 con foto allegata.

Dopo aver assistito al passaggio sul contakm da 999 a 1000 km percorsi, puntiamo Villaines la Juhel a 1012 km.

Arriviamo verso le 14, sempre magico l’arrivo in questo luogo: all’andata buio e con poca gente, al ritorno di giorno e con tifo da stadio.

Una volta parcheggiata la bici mi si affianca una bambina hostess, mi accompagnerà al self service e mi aiuterà perfino a portare il vassoio, quante attenzioni che hanno per noi ciclisti.

Raggiungo Mattia già al tavolo e subito dopo, ecco arrivare come sempre il cartonato di Aldo.

La sosta, quando si ride e si scherza, è sempre più lunga del previsto, e per la prima volta parto assieme ad Aldo in versione biker, e noto una cosa incredibile: pedala davvero e anche tanto!

Inoltre credo che gli addetti al montaggio del cartonato abbiano scordato di inserire un cambio sulla sua bici, costringendolo a farla con la fixed. Non può staccare i piedi dai pedali…un pazzo! Grazie allo scatto fisso la sua pedalata è talmente fluida e costante, che in pochi km scompare di nuovo all’orizzonte.

Tra Villaines e Mortagne affrontiamo uno dei pezzi più noiosi del percorso: un drittone abbastanza trafficato, in più la salita smorza parecchio il mio entusiasmo, che fatica!

Solo sei pain au chocolat mangiati sul ciglio della strada possono risollevare questo momento.

Una volta ripartiti sento un gruppone di ciclisti che mi sorpassa sverniciandomi con passo ardito. La parlata è in inglese ma il tono della voce mi ricorda qualcuno, sento il capo gruppo che, guardandoci con spavalderia, dice ai suoi compagni: Finally someone who knows how to ride a bike, these Guys are too slow.

E’ Aldo, ma come è possibile, non era avanti?

Arriviamo a Mortagne, km 1097, per le 19.30.

Al gazebo esterno ordino un panino con la salamella, ma scopro una volta addentata la carne, che il ripieno non è altro che sangue coagulato, mamma mia che orrore.

Il disgusto mi prende lo stomaco e non riesco nemmeno a finire il panino, necessito immediatamente di un pain au chocolat.

Salutiamo il cartonato di Aldo e ripartiamo prima di lui, gli addetti allo smontaggio sono in ritardo e ci prendiamo questo piccolo margine .

Le gambe finalmente viaggiano bene e riesco perfino a spingere sia in salita, sia in pianura.

Ci uniamo anche a Romano e al suo compagno di viaggio, con cui condividiamo gli ultimi km di questa meravigliosa avventura.

Sosta all’ultimo controllo di Dreux, per un caffè e un pain au chocolate, e ripartenza immediata alla volta di Rambouillet, che dista soli 44 km.

Anche se sono con questa allegra compagnia, spesso cerco di separarmi da loro, voglio vivere e gustarmi questi ultimi km da solo, e godermeli più che posso. Sono sicuro che tutti i momenti vissuti in questo viaggio mi faranno compagnia per i prossimi quattro anni, sono sicuro che capiterà spesso di chiudere gli occhi e ripensare a questi bellissimi istanti, e le emozioni continuerò a sentirle vive ancora per parecchio tempo.

Vorrei che questo viaggio non finisse mai, ma alle 2.13 di mercoledì notte (o giovedì mattina) varco il cancello della Bergerie di Rambouillet.

1221 km, 12.000 metri di dislivello, 78 ore e 40 minuti, 4 ore dormite, 38 pain au chocolat mangiati.

Numeri, numeri inutili di questa PBP, come mi ha insegnato bene Aldo. Si perchè dal primo all’ultimo, dalle 44 alle 90 ore, siamo tutti vincitori, anche chi ce l’ha messa tutta e non è arrivato o si è ritirato, anche chi è andato oltre il tempo limite, tutti quanti siamo uniti dallo stesso sogno vissuto.

All’arrivo c’è Claudia ad attenderci, grazie davvero di cuore per l’accoglienza trionfale in questa buia e fredda notte.

Subito dopo aver indossato la medaglia, tiro fuori la sciarpa dell’associazione “La Grande Casa” per la foto con l’Hashtag #vivolavitainvetta.

Dedico a loro la mia PBP per l’impegno che mettono tutti i giorni verso l’integrazione sociale delle persone più fragili, grazie di cuore per tutto quello che fate.

Dopo le foto di rito all’arrivo ci gustiamo un breve festeggiamento nel tendone, ma il richiamo di un doccia e di una bella dormita al dormitorio è davvero troppo forte e non resisto più.

Mi alzo verso le 7 del mattino e con tutti miei vestiti sporchi arrotolati nella mantella goretex, come un clochard, assisto all’arrivo di Fausto e Lorenzo. Eccoli!

Che impresa! E che emozione aver assistito a questo momento così unico.

Sono sicuro che il coach Berta avrà gli occhi lucidi, e sarà sicuramente orgoglioso per i suoi due pupilli.

Ora mi attende un lungo viaggio di ritorno in auto verso casa, so che non sarò particolarmente di compagnia, e questa foto ne è una prova. Chiudo gli occhi… e mi addormento…

sono Bi-Ancien.

Ringrazio tutti coloro che hanno condiviso con me un saluto, un sorriso, un’abbraccio, una foto, pochi o tanti km, ma anche chi con un semplice messaggio da casa, mi ha incitato e incoraggiato in questa avventura, vi ricordo tutti nel cuore.

Però, dei ringraziamenti particolari, sono d’obbligo.

Volevo ringraziare Claudia perchè è stato davvero un angelo nel sopportarci e ad assecondarci, non a caso l’ ho soprannominata” l’Angelo di Colle Aperto”. Mi ha perfino prestato la sua auto il sabato pomeriggio per andare a messa, e di questo le sono infinitamente grato.

Poi devo ringraziare Mattia

Compagno di tante pedalate estive notturne e di quasi tutta questa PBP.

Lui è un randagio solitario, ma per tanti km è stato un perfetto compagno di viaggio.

Nonostante fossi spesso logorroico con le mie tante parole inutili, questa volta non si è mai arrabbiato con me, anzi, in un’occasione particolare sono stato io ad arrabbiarmi con lui.

Ora, a mente lucida, gli chiedo scusa e lo ringrazio di cuore perchè aveva davvero ragione.

Ed infine ringrazio Daniele.

Compagno di tutti i brevetti di qualifica.

Io e Daniele alla SportVerona 300

Era ad un passo nel venire a Parigi anche lui, ma poi, giustamente, non avendo la giusta motivazione, ha rinunciato facendo la scelta migliore per non rovinarsi il suo meraviglioso ricordo del 2015.

Passare sul ponte di Brest senza di lui non è stata la stessa cosa, ma sono sicuro che nel 2023, ci passeremo di nuovo assieme.

Inoltre lo ringrazio perchè nell’ombra, rilegge, corregge e migliora tutti i gli articoli del blog. Grazie!

In fondo questo blog non è solamente mio, perchè senza Daniele e Mattia non avrei nulla da raccontare e condividere. Spirito Randagio è il blog della Nazionale del Prosecco!

Il Premio più bello dalle mie Stupende sostenitrici

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. lorenzo ha detto:

    come sempre …..semplicemente fantastico…grandissimi ragazzi

    Piace a 1 persona

  2. Congratulazioni e bellissimo racconto!

    Piace a 1 persona

  3. Mog ha detto:

    Sapevo che non avresti deluso le mie aspettative, né per la prestazione agonistica, né per quella romanzata. La naturalezza con cui calibri ironia, sarcasmo, demenza, squilibrio, dolcezza ed amore sono incredibili. Semplicemente compliments!

    P.s. Alla mia prossima avventura di penna dovrò impegnarmi per superarti!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie 1000 caro, ormai mi conosci troppo bene, anche di persona, e ti ringrazio. Unica cosa che mi spiace è non aver portato il tuo cappellino, ma vedrai che ci sarà occasione per onorarlo degnamente!
      alla prossima!

      Piace a 1 persona

      1. Pietro Ghidelli ha detto:

        Spettacolo!!!!!!! Grande Matteo !!!! Emozionante rileggere questo reportage 😍

        Piace a 1 persona

      2. Grazie Pietro! e complimenti ancora anche a te, Super Randagio solitario!

        "Mi piace"

  4. Maria Maddalena Maria ha detto:

    bellissimo racconto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...